Sapevi che invece dei ponteggi puoi fare in un altro modo?

Quanto costa un cappotto termico esterno?
  • Chiama Officine Verticali
  • Sede Legale e Operativa: Colleferro (Roma)Corso Garibaldi, 14

Quanto costa un cappotto termico esterno?


Per coibentare la propria casa isolandola termicamente e acusticamente è possibile ricorrere alla costruzione del cosiddetto cappotto termico: vediamo quanto costa un cappotto termico esterno, quali materiali scegliere e come usufruire dell’ecobonus disponibile fino a fine anno.

Il cappotto termico aiuta a evitare le dispersioni di calore, limita la formazione dell’umidità e riduce gli sprechi energetici per il riscaldamento o il raffrescamento degli ambienti in inverno e in estate. L’isolamento a cappotto è dunque la scelta ideale per isolare termicamente la propria casa e risparmiare.

Il prezzo di un cappotto termico esterno varia in base a molti fattori che tengono conto dell’area geografica in cui si trova l’edificio, della zona climatica e ovviamente dai materiali utilizzati per i pannelli isolanti.

La prima cosa da sapere? I materiali sintetici costano meno dei materiali naturali. I costi si calcolano a metro quadro e si parte da circa 10 euro per arrivare a 80 euro a mq, con tutte le opzioni intermedie.

La scelta del materiale può determinare una migliore prestazione del cappotto termico, anche in considerazione della zona climatica e delle esigenze specifiche: la casa ha problemi di umidità, di dispersione di calore o di surriscaldamento? Per ogni obiettivo energetico c’è il materiale più idoneo.

Al costo del materiale va poi aggiunto quello della manodopera che costa tra i 25 e i 50 euro a metro quadro. Servendosi delle tecniche di lavoro su fune si possono però abbattere i costi di noleggio, trasporto, costruzione e smontaggio del ponteggio.

Le tecniche di realizzazione prevedono l’incollatura o la fissatura meccanica dei pannelli per isolare le pareti. Per isolare la facciata si può ricorrere al cappotto termico corazzato. Anche il tetto si può isolare termicamente.

Fino a fine anno, inoltre, è possibile usufruire dell’Ecobonus che dà diritto alla detrazione Irpef o Ires al 65% per le abitazioni private e al 75% per hotel e condomini, a patto che siano edifici già esistenti e su qualunque categoria catastale.